1518 Etichette - Spedizione gratuita sopra €69 (fino al 23/12)
etichette sul sito 1518 etichette presenti sul sito
schede dettagliate schede con dettagli e specifiche
spedizione spedizione gratuita sopra €69 (fino al 23/12)
Assistenza telefonica 0541 603811 Blog
CARRELLO [0] | CASSA | Tot. prodotti € 0,00

Non ci sono articoli nel tuo carrello.

Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Swipe to the left

Intervista a Marcello Ceresa del birrificio Retorto

Intervista a Marcello Ceresa del birrificio Retorto
By Silvia Canini 01 agosto 2017

Oggi facciamo due chiacchiere con Marcello Ceresa, birraio del birrificio Retorto, affermato e preparato birrificio piacentino, nato nel 2011 e che riscuote importanti riconoscimenti. Qualità, conoscenza dei processi di produzione, scelta delle materie prime, stanno contribuendo a far crescere questo marchio a livello nazionale ed internazionale. Ma chi, meglio di Marcello, potrebbe raccontarci la sua realtà?


Ciao Marcello, iniziamo con la domanda di rito: cosa ti ha portato verso il vasto e meraviglioso mondo della birra? Qual è la tua formazione birraria?

Credo un documentario o qualcosa del genere. In più, da adolescente, mi ero messo in testa di aprire un birrificio in una storica fabbrica di mattoni del mio paese. Ma la decisione è venuta in seguito alla prima artigianale bevuta, una dozzina di anni fa, a Firenze.

Ho una laurea in tecnologie alimentari, ma quel che più conta è l’esperienza, prima di Retorto, ho lavorato per alcuni anni in due birrifici della mia zona.


Il Birrificio Retorto nasce nel 2011 grazie a te e ai tuoi fratelli Monica e Davide, è corretto? Qual è secondo te il punto di forza del Birrificio?

Monica ha seguito lo sviluppo della grafica, che ha reso le nostre etichette interessanti ed il marchio molto riconoscibile. Io ho portato la mia esperienza ed il mio gusto, che mi spinge a fare birre di carattere ma sempre di beva abbastanza semplice, birre che non stancano mai.


Qual è stata la prima birra prodotta con Retorto?

La prima birra prodotta da e con Retorto è stata la Morning Glory, che è nata dopo una chiacchierata con un collega, ed è tuttora la nostra birra più venduta e conosciuta.


Come nasce una nuova birra?

Non c’è una regola fissa: a volte vogliamo inserire un nuovo stile, oppure abbiamo in mente un nome, o ci propongono delle buone botti per l’invecchiamento, le suggestioni possono essere tante. Quasi tutte le nostre birre entrano subito in gamma, perciò occorre avere le idee ben chiare.


Avete delle linee stagionali?

L’unica birra propriamente stagionale è Bloody Mario, che viene prodotta a Giugno con ciliegie fresche ed è pronta a settembre-ottobre. In genere è esaurita prima che la nuova annata sia pronta! Poi abbiamo birre più adatte per l’estate piuttosto che per l’inverno, perciò tendiamo a non metterle in produzione negli altri periodi, per non farle stare a lungo in magazzino. In realtà cerchiamo di non avere una gamma troppo vasta, in modo da rendere tutto disponibile nell’arco dell’anno, o quasi.


Qual è la tua birra preferita della vostra gamma?

Direi la Morning Glory, data la mia preferenza per birre luppolate, un buon equilibrio tra profumo e beva. Ma mi disseto molto volentieri anche con Tazmaniac e Teen Spirit.


Quale o quali sono gli stili birrai che prediligi, in generale?

Dato che apprezzo i luppoli, direi APA e IPA, ma bevo molto volentieri anche una onesta pils.


Qual è il tuo luppolo preferito? Come mai?

Il Simcoe: mi piace molto il suo profilo aromatico agrumato e resinoso e la dolcezza del suo profumo, nonostante l’elevato potere amaricante.


Che consiglio daresti ad un homebrewer che vuole intraprendere la carriera del birraio? Secondo te, quale caratteristica lavorativa e personale non deve assolutamente mancare ad un birraio?

Gli direi che occorrono molta passione, dedizione e tenacia, ma che non bastano queste caratteristiche personali, bisogna anche prevedere il futuro, e costruirlo.


C’è un piatto regionale che vuoi consigliare ai nostri lettori che secondo te si abbina davvero bene ad una o più birre della vostra gamma?

Nella nostra provincia abbiamo 3 dop sui salumi: coppa, pancetta e salame. Proporrei quindi un aperitivo, accompagnato dalla blanche Latte Piu, che ricorda la speziatura delle carni, ma anche Teen Spirit, con il suo palato fresco e secco.


Per concludere stappandoci una birra insieme, che birra bevi in casa, anche non prodotta da voi?

American Magut di Birrificio Lambrate… devo aggiungere altro?!



Ora che avete conosciuto meglio Marcello Ceresa, quale delle sue birre vorreste stapparvi in questo momento? Per assaggiarle o ri-assaggiarle, ecco sul nostro Shop la sezione dedicata all'affermato birrificio piacentino.

Tutte le foto sono di proprietà del Birrificio Retorto


La informiamo che, per migliorare la Sua esperienza di navigazione su questo sito web, www.cantinadellabirra.it, in qualità di titolare del trattamento, utilizza diversi tipi di cookie, tra cui: 1) Cookies tecnici o analitici prima parte; 2) Cookies analitici di terze parti anonime; 3) Cookies analitici di terze parti non anonime; 4) Cookies di profilazione di prima parte. Nella pagina dell’Informativa estesa “Cookie policy” che trovate all'indirizzo web www.cantinadellabirra.it sono presenti le istruzioni per negare il consenso all'installazione di qualunque tipologia di cookie. Cliccando su "HO CAPITO" o continuando la navigazione, dichiara di avere compreso le modalità nell' Informativa Estesa ai sensi dell'Art 13 del Reg. (UE) 2016/679. Maggiori info