Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

For Whom the Sour Trolls Citra Sour

Birrificio
Yellowbelly
Nazione
Irlanda
Stile
Berliner Weisse

Berliner Weisse

Prodotte a base di frumento hanno un bouquet fruttato, speziato e/o terroso. Effervescenti e con un basso contenuto alcolico hanno un’acidità lattica vellutata e pulita. Una tenue sapidità di pane fa da supporto all’acidità.

Colore
Rame
Grado alcolico
3.7 %
Calice Bicchiere consigliato
Calice
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
For Whom the Sour Trolls Citra Sour 33cl For Whom the Sour Trolls Citra Sour 33cl
4,40 €
In arrivo
For Whom the Sour Trolls Citra Sour 33cl For Whom the Sour Trolls Citra Sour 33cl - Cartone da 24 lattine
100,80 €
a bottiglia € 4,20
In arrivo

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Acidulo   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 8.75   Voto RateBeer 92 / 100
Sottostile Sour   Stile Berliner Weisse
Temperatura di servizio 6/8 °C   Formati disponibili Lattina 33cl
Berliner Weisse realizzata con luppolo Citra in dry hopping ed aggiunta di lactobacilli, coltivati dal birrificio stesso. Dal colore ramato al naso ed al palato si percepiscono intense note fruttate ed agrumate. Al palato l'acidità conferita dai batteri lattici la rende estremamente beverina e rinfrescante.
Abbinamenti consigliati

Dolci

Formaggi

Frutti di Mare

Prodotti consigliati

Nazione
Irlanda
Regione/città
Wexford
www
www.yellowbellybeer.ie

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Settembre 2018

Situato al centro di Wexford, capoluogo dell'omonima Contea della Repubblica d'Irlanda nella parte sud-orientale dell’isola, il birrificio è stato fondato nel maggio del 2015 nel seminterrato e per soddisfare il fabbisogno del brewpub chiamato “Simon Lambert & Son Gastropub & Brewery”. Di proprietà e gestito dai fratelli Nicky e Simon Lambert, vanta un iconico aspetto da pub tradizionale irlandese, con cimeli e fotografie che documentano una ricca storia da oltre 50 anni di attività. La famiglia è, difatti, proprietaria della struttura dal 1965 ed i due fratelli hanno assunto la dirigenza quando il loro padre è scomparso nel 2006. Tre anni più tardi i Lambert e l’allora barman, Danny Trappe, hanno iniziato a sperimentare con la birra quando la scena brassicola craft in Irlanda era molto indietro e c’erano solo 15 microbirrifici. Volendo migliorare e diversificare l’offerta del loro pub, cominciarono a dedicarsi all’homebrewing e dopo aver seguito alcuni corsi acquistarono un impianto da 200 litri che posizionarono sotto al pub.

"In brevissimo tempo arrivammo al punto in cui il nostro birraio, Declan Nixon, brassava due volte al giorno, cinque giorni alla settimana. Non siamo riusciti a tenere il passo con la domanda e quindi abbiamo costruito il nostro secondo sistema nel seminterrato in grado di produrre 1.000 litri per lotto. Avere il brewpub è fantastico perché otteniamo un feedback immediato sulla birra e possiamo parlare quotidianamente con i nostri clienti.” dichiara Simon. Il successo è istantaneo ed il team e il birrificio si sono dovuti espandere considerevolmente e repentinamente per soddisfare le crescenti richieste, visto anche i numerosi riconoscimenti ricevuti in concorsi del calibro dell’International Beer Cup e dell’All Ireland Beer Awards”.

Passa solo un anno ed Yellow Belly viene lanciata a livello nazionale tramite il partner di distribuzione Fourcorners. Nel 2017 la brewery è stata trasferita in un nuovo e tecnologico stabilimento in White Rock Hill, appena fuori Wexford Town, non lontano dal loro sito iniziale su una superfice di 10.000 mq che ospitava un vecchio impianto di riciclaggio dove è stato ubicato l’impianto di produzione in grado di realizzare tra i 6500 e 8000 litri alla settima, provvisto di una tap room ed un centro di confezionamento dedicato. Il tutto al fine di continuare la ricerca per diventare uno dei birrifici più importanti al mondo. Non contento di questo, il team di Yellow Belly sta progettando un ristorante e un centro visitatori come parte di una guida più ampia per attirare l'attenzione sui suoi prodotti e per mantenere i turisti in città e provincia. Il turismo basato sul cibo è visto come un settore in crescita, al momento, ed il birrificio è ben posizionato per aggiungere valore al prodotto turistico di Wexford.

Attualmente l’azienda è considerata un birrificio leader in Irlanda nel segmento craft, poiché sempre attenta ad offrire qualcosa di nuovo alla sua attenta clientela: dimenticate però gli stili classici Irlandesi (Red Ales e Stout) giacché la brewery è nota per le sue birre innovative e sperimentazioni con ingredienti ricercati e particolari, scegliendo anche di dedicarsi a stili decisamente diversi come le Sour o gli invecchiamenti in botti provenienti da varie distillerie. Non mancano chiaramente la preparazione di stili modaioli che vedono l’impiego di una buona quantità di luppolo e che spingono al limite la fantasia dell’head brewer Declan Nixon e della sua squadra. Immancabili le collaborazioni con birrifici del calibro di BrewDog, ad esempio per realizzare "Kottbusser", uno stile di birra tedesco dal nome della città di Cottbus, da tempo dimenticato e risalente al 1800.

Dall’anno di fondazione Yellow Belly, sotto l'attenta attenzione del regista Nicky Lambert, ha prodotto oltre 200 birre diverse ma la maggior parte sono state commissionate in edizione limitata e/o stagionalmente (Declan Nixon ha rilasciando quasi ogni mese produzioni one-shot). Solo una decina appartengono alla cosiddetta “linea classica”, disponibili tutto l’anno e distribuite anche oltre i confini nazionali. Ogni etichetta si completa ed illustra, volta per volta, opere d'arte uniche, ben riconoscibili a scaffale ed ispirate da fumetti, videogiochi, video animati e altri interessanti contenuti digitali, tutti realizzati dal designer e direttore creativo Paul Reck, vincitore del premio “Design of the Year”.

Il giovane team sta cavalcando l’onda ed esplorando nuovi mercati di esportazione e rafforzando la propria posizione come una delle migliori birrerie in Irlanda; attualmente è possibile reperire le birre prodotte nel Regno Unito, Germania, Italia, Finlandia ed Olanda e la società ha una decina di dipendenti che lavorano per il birrificio ed una trentina per il pub di Wexford. Il nome del birrificio “Yellowbellies” rende omaggio al soprannome dato ai giocatori Wexfordiani, durante una storica partita a Shinty nel XVII secolo contro una famosa squadra della Cornovaglia.