Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

John Hops

Birrificio
The Wall
Nazione
Italia
Stile
Strong Lager / Imperial Pils

Strong Lager / Imperial Pils

Appaganti, ricche e allo stesso tempo rustiche. Hanno un discreto ventaglio di sapori ed una maggiore alcolicità. Toni di pane e miele s’intrecciano a note floreali ed erbacee, insaporite da una sottile vena alcolica riscaldante.

Colore
Giallo paglierino
Grado alcolico
8.8 %
Pinta Bicchiere consigliato
Pinta
Tipo di fusto
KeyKeg
Tipo di attacco fusto
KeyKeg
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
Non ci sono opzioni per questo prodotto.

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Bassa fermentazione
Gradi Plato 19   EBC 11
Sottostile Hoppy Imperial Lager   Stile Strong Lager / Imperial Pils
IBU 55   Temperatura di servizio 7/9°C
Formati disponibili Fusto 30lt
Questa birra dal colore giallo paglierino ha un carattere esplosivo, grazie al luppolo (Galaxy e Comet) e all'utilizzo di lievito a bassa fermentazione. Al naso si percepiscono intense note aromatiche di frutta esotica, conferite dall'abbondante luppolatura. Al palato il corpo lievemente maltato accompagna e bilancia la bevuta dai sentori balsamici ed esotici di luppolo.
Abbinamenti consigliati

BBQ e affumicati

Carni bianche

Carni rosse

Formaggi

Frutti di Mare

Pesce

Pizza

Verdure

Nazione
Italia
Regione/città
Venegono Inferiore (VA)
www
www.thewallbeer.com

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Giugno 2018

L’avventura di questo birrificio, sito nel piccolo Comune di Venegono Inferiore nella Provincia di Varese e che raffigura un’interessante e concreta realtà nello scenario delle craft beer lombarde, comincia nel novembre del 2013. Inizialmente come beerfirm, dipendeva degli impianti di Brewfist a Codogno (Lodi) per la produzione. L’idea germina dall’imprenditore Stefano Barone, desideroso di affiancare all’azienda di famiglia, dedita alla carta stampata, una nuova attività. Dopo aver visto più volte il documentario “Il Boss della Birra” condotto da Sam Calagione fondatore della famosa Dogfish Head Brewery, ne rimane colpito e comincia ad incuriosirsi al panorama brassicolo artigianale e, non avendo esperienza in materia, si affida per la consulenza tecnica all’esperto Andrea Rogora, conosciuto tramite il forum AreaBirra, dove quest’ultimo ricopriva l’incarico da tempo di Moderatore.

Giovane ma già navigato birraio, giudice in concorsi birrai con alle spalle una decina d’anni da homebrewer passati a creare, studiare ed affinare le sue ricette, Andrea ha deciso di compiere il grande salto verso il professionismo entrando, sin dal principio, nello staff di The Wall. Convinto sostenitore delle birre in stile anglosassone, luppolate e beverine, sfruttando la sua passione e le sue conoscenze, segue oggi la produzione e la sperimentazione delle ricette del birrificio. Al suo fianco troviamo Daniele Martinello; il primo approccio con la birra risale al 2007 in cui inizia a trafficare in casa con malti e pentoloni, affinando tecniche e sviluppando ricette che lo portano ad essere finalista in più concorsi.

Dopo la laurea, la passione per la birra diventa un lavoro. Inizialmente ricopre il ruolo di aiuto birraio presso il Birrificio Settimo (VA) poi entra a far parte del team di birrai del noto birrificio Brewfist (LO). A febbraio 2015 ritorna nel varesotto e inizia ad occuparsi della produzione e dello sviluppo di nuove ricette all'interno di The Wall. Durante il suo peregrinare tra gli stili birrai, trova corrispondenza alle proprie aspirazioni principalmente negli stili tedeschi ed inglesi in cui ricerca il sottile bilanciamento tra malto e luppolo.

Passa solo un anno ed il 6 luglio 2014 The Wall diventa birrificio a tutti gli effetti ed approda nella sua odierna struttura; un capannone tessile riconvertito e ristrutturato, situato a Venegono Inferiore, su una delle direttrici più importanti della Provincia di Varese. L’edificio è facilmente riconoscibile per l’imponente graffito esterno realizzato dal writer milanese Max Gatto, autore anche delle etichette di particolare appeal, accattivanti e seducenti. The Wall ha scelto di iniziare la sua produzione avvalendosi subito di una sala cottura da 20hl completamente automatica costruita dalla vicentina Impiantinox, affiancata da sedici fermentatori e una moderna linea di imbottigliamento e infustamento capace di soddisfare anche le richieste lavorative per conto terzi. Un piccolo beer garden affianco alla struttura garantisce conforto agli assetati.

La filosofia aziendale è ben illustrata da Stefano in una intervista rilasciata in esclusiva al “Giornale della Birra” (Settimanale web dedicato alla divulgazione della cultura della birra). “Per noi, la sperimentazione è di fondamentale importanza, non vogliamo limitarci ad una birra semplice ma sentiamo il desiderio profondo di proporre qualcosa di totalmente nuovo. Siamo costantemente alla ricerca di innovazione e professionalità anche per quanto riguarda l’apparato produttivo. I nostri due birrai, Andrea e Daniele, hanno maturato grande esperienza sul campo e sono sempre stati profondi conoscitori e sperimentatori di materie prime. La selezione avviene dopo un periodo di prova, durante il quale i campioni vengono testati a lungo su un piccolo impianto pilota. Quando il risultato soddisfa gli standard che richiediamo, procediamo con l’elaborazione di una nuova ricetta o l’aggiornamento di una già esistente. La scelta avviene sempre in funzione della qualità. Ci piace sperimentare, innovare e confrontarci. Per questo non ci limitiamo al solo lavoro in solitario ma siamo aperti a collaborazioni con altri birrifici, per creare ogni volta qualcosa di totalmente nuovo e unico. Malto e luppolo sono gli ingredienti principali della birra. Allo stesso modo le nostre birre si caratterizzano seguendo queste due strade opposte, ricercando quindi da un lato la sorprendente aromaticità data dal luppolo e dall'altro la ricchezza e la complessità data dai malti. Due strade che portano allo stesso traguardo: conquistare il cuore e il palato al primo assaggio”.

Con queste premesse le birre realizzate, caratterizzate da un forte bevibilità e suddivise in Linea Classica e Speciale, rispecchiamo la tradizione tedesca ed anglosassone impiegando soprattutto luppoli americani. Tutta la produzione e il confezionamento avvengono in isobarico. Dal 2017 The Wall ha anche un pub di proprietà a Milano: l’ubicazione scelta è tra quelle più alla moda nel Capoluogo e cioè l’Isola Garibaldi, il quartiere che sorge vicino alla stazione.