Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Dragonhead

Birrificio
Orkney Brewery
Nazione
Scozia
Stile
Stout

Stout

Delicate, con un corpo medio ed una carbonatazione moderata, evidenziano note di cioccolato e caffè, con toni secondari di cacao o cereale torrefatto. La cremosità e il tenue fruttato/luppolato donano equilibrio a queste birre.

Colore
Scuro
Grado alcolico
4.0 %
Pinta Bicchiere consigliato
Pinta
FORMATI
Dragonhead Dragonhead 50cl
Prezzo: € 6,00
Dragonhead Orkney Dragonhead 50cl - Cartone da 12 bottiglie
Prezzo: € 64,80
a bottiglia € 5,40
Seleziona la quantità e

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 9   Voto RateBeer 81 / 100
Voto Beer Advocate 86 / 100   Sottostile Dry Stout
Stile Stout   Temperatura di servizio 10 - 12°C
Formati disponibili Bottiglia 50cl

Aspetto: si mostra con un colore scuro, impenetrabile e con una schiuma color nocciola non molto persistente. La diafanità è irrilevante in una birra così scura.


Sentori olfattivi: il naso viene colpito dai classici profumi dello stile: caffè, nocciola, cioccolato, malto tostato e torrefatto. Man mano che la birra si riscalda emergono ragranze più dolci: zucchero di canna, vaniglia e frutta. Eccezionale la nota torbata e di fumo che emerge nel finale. Ci riporta alla mente quelle isole e i loro eccezionali whisky.


Corpo e gusto: il corpo è medio-leggero e la carbonatazione media. In bocca è leggermente carbonata. Dopo qualche sorso, raggiungendo la temperatura di servizio ottimale,  si stabilizza, facendoci pervenire le fragranze avvertite al naso, accentuando le note di caffè, malto tostato, frutta secca, zucchero di canna e cioccolato amaro Tutto ciò è ben bilanciato da una piacevole sapidità di nocciola e una leggera speziatura. Molto fumosa al palato. Il profilo in generale è rotondo e morbido e i sapori sono ben bilanciati.


Finale: asciutto, secco e persistente come lo stile vuole, con forti accenti di fumo e cioccolato amaro. Una birra piacevole anche se la nota smoked è un po’ troppo marcata e l’inizio un po’ troppo carbonato. Nel complesso la sua asciuttezza e complessità di sapori la rendono una birra molto interessante e particolare.


Ingredienti: la Dragonhead, nella sua composizione, è la classica Dry Stout : Roast Barley e Chocolate Malt per facilitare schiuma e corpo, classico luppolo inglese Goldings utilizzato come bilanciamento ed aroma.


Curiosità: L’Orkney Brewery dedica questa birra ai Vichinghi e all’eredità culturale che essi hanno lasciato. La Dragonhead promette un piacere caldo in una notte d’inverno con il suo gusto audace e l’aspetto seducente.


Abbinamenti consigliati:
Stufato di selvaggina, barbecue, carne affumicata, molluschi, ostriche, formaggi piccanti, filetto al pepe verde, dessert cremosi, dessert alla frutta e al cioccolato.

Abbinamenti consigliati

BBQ e affumicati

Cioccolato

Dolci

Formaggi

Frutti di Mare

Prodotti consigliati

Visualizza il certificato di fiducia
  • For further information on the nature of the review controls, as well as the possibility of contacting the author of the review please consult our CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni.
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni.
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modifirare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne con una nuova.
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

4 /5

Basato su 1 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    1
  • 5
    0
Ordina recensioni per:

Carlo M. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 05/07/2018

4/5

buon equilibrio tra amaro corposità

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Nazione
Scozia
Regione/città
Quoyloo
www
www.orkneybrewery.co.uk

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Marzo 2019

La brewery è stata fondata nel 1988 da Roger White e sua moglie Irene, decisi a cambiar vita e con l’ambizione di ripristinare la tradizione e la cultura birraia nelle Isole Orcadi. Il piccolo complesso produttivo risiede in un ex edificio scolastico in stile vittoriano, risalente al 1878, sito nell’altrettanto piccolo villaggio di Quoyloo, a soli 2 km dall’insediamento neolitico di Skara Brae. Ad una decina di chilometri di distanza troviamo Stromness che rappresenta il secondo insediamento più popoloso delle Orcadi situato nella parte sudoccidentale dell’isola di Mainland, a circa 14 Km ad Ovest dal Capoluogo Kirwall.

Orkney è orgogliosa di essere la patria di alcuni dei siti archeologici tra i meglio conservati in Europa. Con i suoi villaggi neolitici, sepolture ed imponenti cerchi di pietre è stata riconosciuta Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1999. L’impianto di produzione originale fu costruito con la consulenza di Peter Austin, fondatore della Ringwood Brewery, che verso la metà degli ‘90 ristrutturò ed aggiunse una nuova sala di cottura, della capacità di 150 barili, collocandola in un nuovo edificio adiacente a quello originale. Nel 2004 Orkney si unisce con l’Atlas Brewery (fondata nel Febbraio del 2002 da Neril Cotton) in una società denominata “Highland & Islands Breweries”: nonostante l’unione le produzioni rimasero separate ed indipendenti. Nel maggio2006la compagnia dichiarò fallimento e venne acquistata dal marchio Sinclair Breweries di Norman Sinclair. Quest’ultimo rinomato ristoratore e gestore di catering locale, in origine collaborava proprio con la Orkney per la sua attività di catering.

Norman, oltre ad ampliare i locali per aumentare la capacità produttiva, si è assicurato che tutti gli edifici, soprattutto quelli scolastici, fossero preservati il più possibile poiché era la stessa scuola frequentata da suo padre e da suo nonno. Agli inizi del 2010 l'Atlas Brewery chiuse i battenti e tutta la produzione venne spostata alla brewery Orkney che fu ristrutturata radicalmente. Grazie ad un importante programma di aggiornamento ed espansione, da questo momento il birrificio ha visto raddoppiare le sue capacità e rafforzare la propria nomea in tutto il mondo.

L’azienda in pochi anni è riuscita a guadagnarsi un posto in prima fila tra i produttori di Real Ales inglesi grazie all’utilizzo dei migliori ingredienti come la purissima acqua. Oltre alla linea classica e stagionale, Orkney imbottiglia importanti riserve affinate in botte di whisky. I mercati di esportazione riguardano il Nord America, Canada, Australia, Giappone, Hong Kong e la maggior parte dei paesi Europei, tra cui Germania, Norvegia, Italia, Francia e Svizzera. Questa zona della Scozia è stata abitata per secoli dai Vichinghi, i loro nomi e le loro gesta ricorrono frequentemente sulle etichette delle birre prodotte che sono diventate culto soprattutto negli Stati Uniti. Gli epiteti delle isole che compongono l’arcipelago delle Orcadi e gli appellativi delle strade sono un continuo riferimento al passato.

La cultura con i suoi valori tradizionali ha sempre influenzato le loro produzioni assieme ad un’estrema attenzione in ogni fase di lavorazione; tutto ciò ha garantito un’elevata qualità dei prodotti. Questo approccio senza tempo ha permesso a questa brewery di vincere molti premi nazionali ed internazionali. L'Orkney Brewery offre tour informativi e la parte vecchia della scuola è stata trasformata in un centro visitatori con un ristorantino e una sala degustazione a 5 stelle, unica realtà del settore in Scozia.

Una curiosità: come si legge su Wikipedia, nel 2008 la birra denominata Skull Splitter prodotta da Orkney Brewery fu al centro di una discussione in relazione al proprio nominativo. Il Portman Group, gruppo commercialecomposto da produttori di bevande alcoliche e birrifici nel Regno Unito, aprì un'indagine sulla stessa sostenendo che il suo nome risultava troppo aggressivo, (Skull Splitter letteralmente significa "spacca cranio"), e che avrebbe potuto portare ad un'interdizione della vendita della birra nel territorio britannico. Sinclair Breweries lanciò una campagna in difesa della birra che ricevette una grande risposta. Gli argomenti in difesa furono il fatto che la birra era famosa e venduta a livello internazionale, con una storia ventennale costellata di premi, come il riconoscimento del CAMRA per la birra britannica campionessa suprema dell'inverno 2001. Inoltre, venne spiegato che l'origine del nome deriva dalla figura storica di Thorfinn Hausakljuv, settimo conte vichingo delle Isole Orcadi intorno all'anno 950, che veniva soprannominato appunto Skull Splitter. In seguito a questa campagna il Portman Group decise, il 23 dicembre 2008, di non portare avanti l'accusa contro la birra.

 
Visualizza il certificato di fiducia
  • For further information on the nature of the review controls, as well as the possibility of contacting the author of the review please consult our CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni.
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni.
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modifirare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne con una nuova.
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

4 /5

Basato su 1 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    1
  • 5
    0
Ordina recensioni per:

Carlo M. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 05/07/2018

4/5

buon equilibrio tra amaro corposità

Questa recensione è stata utile? 0 No 0