Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

St. Peter's Best Bitter

Birrificio
St. Peter's
Nazione
Inghilterra
Stile
Bitter

Bitter

Il basso tenore alcolico e la moderata carbonatazione distinguono queste birre per la grande facilità di beva. Profilo organolettico e gustativo maltato, agrumato, speziato con moderati profumi fruttati. Il bilanciamento è spesso orientato verso l’amaro.

Colore
Ambrato
Grado alcolico
3.7 %
Pinta Bicchiere consigliato
Pinta
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
St. Peter's Best Bitter St. Peter's Best Bitter 50cl
4,70 €
piu
meno
St.Peter's Best Bitter St. Peter's Best Bitter 50cl - Cartone da 12 bottiglie
54,00 €
a bottiglia € 4,50
piu
meno

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 9.20   Voto RateBeer 62 / 100
Voto Beer Advocate 81 / 100   Sottostile Best Bitter
Stile Bitter   IBU 34
Temperatura di servizio 8-10°C   Formati disponibili Bottiglia 50cl

Aspetto: si mostra con un colore ambrato con riflessi rame con una schiuma bianca, fine e abbastanza persistente.


Sentori olfattivi: al naso giungono profumi molto aromatici: agrumi, spezie, luppolo, floreali con una leggera nota di malto, caramello, frutta e nocciola.


Corpo e gusto: corpo leggero e carbonatazione media. In bocca si presenta come all’ olfatto, con sapori leggeri di malto, caramello, spezie, agrumi (pompelmo), frutti scuri e luppolo. Malto e luppolo si combinano perfettamente.


Finale: leggermente amaro come da tradizione St. Peter’ s. Una birra molto rinfrescante, dissetante e facile da bere.


Abbinamenti consigliati:
Ottima come aperitivo, formaggi dolci ma di buona stagionatura, piatti leggeri a base di carni bianche, verdure alla griglia o al vapore, insaccati, dolci al cioccolato, amaretti o torte alla frutta secca, noci.

Prodotti consigliati

Recensioni Prodotti
Numero di recensioni ricevute : 8
Voto medio : 4.3 /5
D. Riccardo
  il 16/01/2018
5/ 5
Calssica Bitter Inglese , amara poco alcolica e poco gasata ottima
G. Luca
  il 18/10/2017
4/ 5
buona birra
D. Giuseppe
  il 16/07/2017
5/ 5
grande birra nel suo genere
P. Stefano
  il 21/06/2017
5/ 5
malto presente rinfrescato da leggero amaro vegetale
R. Barbara
  il 16/06/2017
4/ 5
Una sicurezza
R. Barbara
  il 24/03/2017
4/ 5
La consiglio
B. Maurizio
  il 18/03/2017
3/ 5
buona ma con un amaro molto terroso che rientra poco nel mio gusto personale
M. Biagio
  il 28/12/2016
4/ 5
<BUONO

Nazione
Inghilterra
Regione/città
St. Peter South Elmham
www
www.stpetersbrewery.co.uk

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Gennaio 2018

Il birrificio risiede vicino al Municipio di St. Peter South Elmham, un villaggio situato a Sud di Bungay, piccolo centro abitato nella Contea di Suffolk: ci troviamo nel Nord-Est dell’Inghilterra. L’edificio che ospita gli impianti, è sito all’interno di un complesso di ex fabbricati agricoli tradizionali, protetti dalle Belle Arti e risalenti al XIII secolo che sono stati utilizzati fino agli anni Sessanta. Il luogo è famoso ed è stato scelto principalmente per l’eccellente qualità̀ dell’acqua che viene estratta da un antico e profondo pozzo (100 metri) sito sotto la birreria e per la bellezza di questi vecchi stabili che rappresentano altresì un’attrazione per i turisti. “I Santi” è la denominazione popolare con cui viene chiamata questa zona che si trova nella regione dell’East Anglia; il termine fa riferimento al fatto che ogni villaggio presente prende il nome da un santo: S. Croce, S. Margherita, S. Nicola, S. Pietro etc.

Il papà della brewery è un professore di marketing chiamato John Murphy, fondatore nel 1974, successivamente ceduta nel 1995, della prestigiosa società di consulenza marchi chiamata “Interbrand”. Nel 1996 decide di investire i propri risparmi nel ramo brassicolo e, non avendo esperienza nel campo, si circonda di fidati ed esperti consulenti del settore. Rapidamente St. Peter’s si fa strada sul mercato, creando e proponendo tipologie di birra di matrice britannica (Real Ale); dalla classica Golden Ale alla celebre Porter passando attraverso birre stagionali prodotte in edizione limitata, realizzate senza particolari differenze rispetto alle originali ricette ma avvalendosi di un’attenta ricerca nei processi di birrificazione e nella selezione delle materie prime, prevalentemente regionali. Un denominatore comune lega tutta la produzione: la tradizione.

Le birre sono create utilizzando la già citata acqua che non presenta nitrati ed è filtrata naturalmente attraverso uno strato di gesso profondo. E’ ideale per la produzione birraia poiché ricca di sali minerali oltre che ad altri elementi che la rendono idonea a conferire una complessità̀ organolettica ed un gusto pieno. L’orzo è coltivato nelle campagne circostanti e i malti sono accuratamente miscelati insieme in base alle singole ricette.; vengono utilizzati anche malti più̀ esotici per produrre alcune birre speciali. I luppoli impiegati, che provengono prevalentemente dal Kent, conferiscono il sapore e l’aroma caratteristico delle birre St. Peter’s. Il lievito è stato selezionato da oltre 350 ceppi diversi racchiusi nella “National Collection of Yeast Cultures” con sede presso “l'Institute of Food Research” di Norwich. La combinazione di lievito, malto, luppolo e acqua contribuiscono a creare birre di altissimo livello, di facile bevuta, pur conservando una propria personalità e carattere ben definito.

Oltre agli stili tradizionali, il birrificio si distingue per la produzione di birre speciali alla frutta e al miele, com’era pratica comune fino al XIX secolo. La capacità produttiva si attesta a circa 30 hl l’anno; oltre il 70% della birra realizzata viene imbottigliata e la metà esportata in 25 Paesi. La gamma si compone di una ventina di birre che comprende anche la linea senza glutine (G- Free TM) ed il segmento dedicato alle birre biologiche.

È possibile degustare le varie tipologie prodotte, che hanno ricevuto importanti riconoscimenti dal CAMRA (Campaign for Real Ale) e al “Great British Beer Festival” attraverso un tour guidato, per poi essere eventualmente acquistate nel negozio situato proprio di fronte alla brewery. In un vecchio, storico e romantico edificio, dotato di una terrazza all’aperto e giardino privato, è ubicato il Bar / Ristorante San Pietro (St. Peter’s Great Hall & Restaurant). Risalente al 1280, è immerso nella splendida ed incontaminata campagna di Suffolk, circondato da un classico e pittoresco fossato un tempo costruito per proteggere case e villaggi dall'invasione Vichinga. L’azienda possiede anche la celeberrima “Jerusalem Tavern” che prende il nome dal Priorato di San Giovanni di Gerusalemme fondato nel 1140. Aperta ogni giorno della settimana per pranzare, cenare e naturalmente per potersi gustare, alla spina o in bottiglia, tutta la gamma di birre della St. Peter’s Brewery oltre che ad altre ottime Ales inglesi. La taverna ha occupato diversi siti nella zona fin dal quattordicesimo secolo e l’edificio attuale risale al 1720. Situato al 55 di Britton Street, nel quartiere Clerkenwell, è uno dei migliori pub di Londra, ad attestarlo c'è il premio "Town Pub Of The Year" conferitogli nel 2009.

Curiosità

Segno distintivo della brewery è l’impiego di particolari e caratteristiche bottiglie di forma ovale da 50 cl. che sono una copia fedele di quelle usate per contenere gli alcolici (soprattutto gin) nel 1770 da Thomas Gerrard, un oste che possedeva una locanda a Gibbstown nei pressi di Filadelfia, sulle rive del fiume Delaware.