Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Oud Beersel Oude Geuze Vandervelden 135 Years

Birrificio
Oud Beersel
Nazione
Belgio
Stile
Lambic

Lambic

Complesse, bilanciate, rinfrescanti e non carbonate. Piacevolmente aspre e acidule, con profumi a volte estremi. La loro acidità sostituisce l’amaro del luppolo nell’equilibrio generale.

Colore
Dorato chiaro
Grado alcolico
6.5 %
Calice a tulipano Bicchiere consigliato
Calice a tulipano
FORMATI
Oud Beersel Oude Geuze Vandervelden 135 Years 37.5cl  Oud Beersel Oude Geuze Vandervelden 135 Years 37.5cl
Prezzo: € 7,90
Oud Beersel Oude Geuze Vandervelden 135 Years 37.5cl  Oud Beersel Oude Geuze Vandervelden 135 Years 37.5cl - Cartone da 12 bottiglie
Prezzo: € 91,20
a bottiglia € 7,60
Seleziona la quantità e

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Acidulo   Tipo di fermentazione Fermentazione spontanea
Gradi Plato 14   Voto RateBeer 99 / 100
Voto Beer Advocate 4.18 / 5   Sottostile Gueuze
Stile Lambic   Temperatura di servizio 8/10°C
Formati disponibili Bottiglia 37.5cl, Bottiglia 75cl
Realizzata per celebrare i 135 anni del birrificio Oud Beersel,1882, Oude Geuze Vandervelden 135 Years è una miscela di Lambic maturati in botti che per 30 anni hanno contenuto Brunello di Montalcino toscano e Lambic maturati per 3 anni in botti di Oud Beersel. Dal colore dorato chiaro al naso ed al palato i sentori sono intensi e pungenti, con in evidenza note di vino ed i tipici sentori di lieviti selvaggi, che caratterizzano sia l'aroma che il gusto. Aspra ma rotonda al palato.
Abbinamenti consigliati

Dolci

Formaggi

Frutti di Mare

Prodotti consigliati

Nazione
Belgio
Regione/città
Beersel
www
www.oudbeersel.com

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Aprile 2018

La blendery si trova a una decina di chilometri a Sud di Bruxelles nel Comune di Beersel, Provincia del Brabante Fiammingo (Regione delle Fiandre) ed è stata fondata nel 1882 da Henri Vandervelden, appassionato produttore di Lambic con diversi anni di esperienza appresa presso il birrificio De Kroon a Uccle. Rimase a capo dell’azienda fino al 1922 allorché passò il testimone al figlio Egidius, sposato con Catharina Hofmans, ed assistito dal fratello minore di nome Pierre. In questo stesso periodo la fattoria della famiglia Hofmans fu trasformata in un vero birrificio. Ad Egidius, scomparso in giovane età nel 1953, successe il figlio Henri Vandervelden II, laureato “all’Institut National des Industries de Fermentation” a Bruxelles; costui aggiunse l'aggettivoOud(vecchio) alla ragione sociale ed ampliò considerevolmente la capacità produttiva.

Nel 1991 Henri II lasciò l'esercizio al nipote Danny Draps, visto lo scarso interesse del figlio Hubert verso il Lambic, che però, dopo più di un secolo di attività a conduzione familiare e quattro generazioni, causa necessità di grossi investimenti per poter proseguire, decise di chiudere il birrificio. Oud Beersel era divenuto ormai poco redditizio, ed alla fine del 2002 Danny decise di dedicarsi ad altra occupazione (postino), nonostante il sostegno del famoso produttore di Lambic Frank Boon. Gert Christiaens e Roland De Bus, due giovani amici dai tempi scolastici, affezionati consumatori delle birre di Oud Beersel, scioccati dalla perdita di questo immenso patrimonio culturale e storico, con tutta l’intenzione di salvaguardare le tradizioni brassicole native per le generazioni future, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni, rilevarono l’azienda e la riaprirono il 25 novembre 2005. Gert, tecnico informatico, nel frattempo frequentò un corso di birrificazione presso l’università di Gent e in seguito apprese l’arte del blending e della corretta gestione dell’adiacente cantina dal quasi ottantenne Henry Vandervelden II, il tutto mantenendo il lavoro nelle telecomunicazioni.

Dal momento che produrre Lambic comporta molto tempo, i due soci in principio si focalizzarono sulla produzione di una birra ad alta fermentazione (Tripel), prodotta presso gli impianti della Brouwerij Huyghe di Melle, per conseguire finanziamenti utili a risollevare il birrificio, conservare il nome dell’azienda attivo nel mercato e per riorganizzare la rete distributiva. La produzione di Lambic seguendo le antiche ricette di Vandervelden, viene nel frattempo ripresa da Frank Boon nell’omonimo birrificio e poi portato nelle botti di legno a Beersel per maturare; in seguito verrà ricondotto da Boon per il blend e l’imbottigliamento.

Finalmente, il 16 marzo del 2007, le fermentazioni spontanee di Oud Beersel ritornarono sul mercato (Oude Geuze e Oude Kriek) ma purtroppo De Bus lascia il birrificio per diventare presidente della “De Geuzen van Oud Beersel”, un’associazione attiva nella promozione di prodotti brassicoli regionali e le loro tradizioni attraverso visite ai birrifici ed eventi sul territorio. Verrà immediatamente rimpiazzato da Jos Christiaens, padre di Gert da poco in pensione. Gert seguitò ad investire acquistando in un primo momento dei nuovi serbatoi per miscelare il Lambic e, successivamente, una nuova e moderna apparecchiatura per la pulizia delle botti che consentì di procurarsene di nuove e di più capienti.

Numerose pipes e cinque foudres da 45 hl l’uno giunsero nel birrificio tra il 2010 ed il 2011 aumentando considerevolmente la capacità di stoccaggio. Oud Beersel rappresenta una via di mezzo tra un produttore ed un assemblatore di Lambic poiché gli stessi non vengono acquistati da altri birrifici: in sostanza il mosto viene prodotto in un'altra brewery (di solito Boon) ma su ricetta dello stesso Gert che controlla tutto l’iter produttivo. Subito dopo la produzione, il mosto raggiunge Oud Beersel dove fermenterà e maturerà nelle botti per poi essere miscelato.

Oud Beersel rappresenta uno degli ultimi autentici birrifici “lambici” in Belgio ed è noto per le sue realizzazioni (Geuze e Kriek) preparate secondo assoluti metodi tradizionali impiegando la più moderna tecnologia; a tal proposito vengono continuamente effettuati investimenti per ottimizzare il processo di produzione e per raggiungere i più esigenti standard qualitativi vista la sempre più crescente domanda. Con una produzione annua di circa 3000 ettolitri, l’export rappresenta circa il 30% delle vendite e raggiunge 20 paesi, le birre realizzate hanno ricevuto molteplici riconoscimenti nazionali ed in internazionali in concorsi (World Beer Cup), riviste del settore (Beers of the World) e community (Ratebeer).

Uno degli ultimi investimenti fatti da Oud Beersel, dal 2006 membro di Horal, l’associazione belga che riunisce alcuni produttori tradizionali di Lambic, è stato l’acquisto di un fondo nel quale sono stati piantati alberi di ciliegio che un giorno doneranno i frutti per la realizzazione di Kriek.