Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Eipiei

Birrificio
Opperbacco
Nazione
Italia
Stile
APA American Pale Ale

APA American Pale Ale

Amare ma con un’adeguata presenza di malto che le rendono equilibrate e bevibili. L’evidente presenza dei luppoli americani e del Pacifico, dona a queste birre profumi agrumati, balsamici e di frutta tropicale.

Colore
Giallo dorato
Grado alcolico
6.3 %
Pinta Bicchiere consigliato
Pinta
Tipo di fusto
Polykeg
Tipo di attacco fusto
Baionetta
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
Non ci sono opzioni per questo prodotto.

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 14.1   Voto RateBeer 2.58 / 5
EBC 17   Stile APA American Pale Ale
IBU 48   Temperatura di servizio 7/10°C
Formati disponibili Fusto 30lt

È lo spelling di APA, American Pale Ale, ovvero un adattamento americano della Pale Ale inglese.
Nel rispetto dello stile si utilizzano luppoli americani, parte dei quali usati anche in dry-hopping.
Ne deriva una birra ambrata con una schiuma bianca e abbondante, dove i luppoli esprimono forti intensità olfattive e gustative.
All’ assaggio, dopo un primo impatto dolce, dovuto ai malti caramellati, la scena gustativa viene monopolizzata dalle note agrumate, floreali ed erbacee dei luppoli che persistono lasciando un avvolgente sensazione di secchezza.

Abbinamenti consigliati

Carni bianche

Carni rosse

Formaggi

Frutti di Mare

Piatti piccanti

Piatti speziati

Pizza

Verdure

Nazione
Italia
Regione/città
Cesarino di Notaresco (TE)
www
www.opperbacco.it

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Gennaio 2018

Ci troviamo a Cesarino di Notaresco, un classico borgo medioevale arroccato su una collina in provincia di Teramo (Abruzzo), territorio famoso più per il vino che per la birra. La vista si perde ad ammirare la splendida cornice del Gran Sasso e, percorso un piccolo tratto sterrato, circondato da olivi secolari, vigneti e terreni seminati a grano, orzo e girasoli, ci troviamo davanti una piccola piana dove sono ubicati, l’uno di fianco all’altro, due edifici: l’Agripub, il brewpub del birrificio dove la sera ci si può fermare ad assaporare le birre e mangiare qualcosa di tipico e una casa colonica sede della brewery ed abitazione del papà di Opperbacco; Luigi Recchiuti. Laureato in Scienze Agrarie presso la facoltà di Bologna, lavora all’inizio come libero professionista e in seguito come rappresentante per la Monsanto (una multinazionale di biotecnologie agrarie) ma fare l’agronomo non gli piaceva ed inizia a produrre birra a casa e capisce quale sarà il suo futuro lavoro: il birraio.

Nel 1999 comincia ad avvicinarsi al mondo della birra artigianale grazie a Guido Taraschi, allora presidente di Unionbirrai e nel 2001 presenta il primo progetto per la costruzione di un micro birrificio ma è costretto a rinunciare per difficoltà burocratiche. Apre così nel 2003 l’Agripub ed inizia a somministrare e distribuire le cervogie scoperte ed apprezzate nei suoi numerosi viaggi. La sua passione di homebrewer, dal 2000 al 2009, lo porta ripetutamente in Belgio e Germania per fare acquisti, conoscere gli stili, gli ingredienti, tutte le fasi di produzione dell’arte brassicola. La possibilità di aprire un birrificio diventa più concreta grazie a Marco suo assistente ma soprattutto per merito della moglie Arianna Calisti che decide di svolgere una ricerca sull’analisi dei costi e sull’economia di un micro birrificio, contattando direttamente Birra del Borgo a Borgorose: i suggerimenti di Leonardo Di Vincenzo si riveleranno fondamentali.

Finalmente l’apertura nel febbraio 2009 con un impianto realizzato da un artigiano di Vasto, in seguito modernizzato in collaborazione con la ditta Spadoni, comprende una sala di cottura da 20 hl per cotta, in grado di produrre annualmente 50.000 bottiglie e 1500 fusti, con 5 fermentatori da 20 hl e due da 60, due maturatori da 20 e 60 hl e qualche barrique da 225 litri per gli affinamenti e/o sperimentazioni, site in una cantina da 340 hl. Già nel 2010 vengono prodotti 600 hl, soprattutto in fusto, fatto abbastanza inusuale per un micro birrificio.

La capacità produttiva si attesta a circa 2500 hl l’anno: le birre prodotte, circa una ventina di tipi, diffuse su tutto il territorio nazionale ma anche in Scandinavia, Belgio, Francia, Spagna e recentemente stanno conquistando anche i mercati di Russia, Australia e Giappone (è possibile degustare Opperbacco perfino nei migliori ristoranti a New York) sono anche l’esito di collaborazioni (Foglie d’Erba, Birra del Borgo etc) ed hanno ricevuto altresì riconoscimenti nazionali (Slow Food). Sono stilisticamente di matrice principalmente belga ed inglese ma esibiscono un’evidente creatività, personalità, bevibilità e freschezza.

La produzione è suddivisa in quattro categorie: “Le Origini", che raggruppa le birre prodotte nell’anno di apertura del birrificio e come dichiara Luigi “sono quelle che facevo a casa”, "L’Evoluzione", che rappresentano il frutto della maturità acquisita grazie all’esperienza su un impianto professionale, "L’Avanguardia" che comprende birre abbastanza "estreme" e “modaiole e le "Senza Tempo" alias da meditazione con maturazioni anche in botte. Vengono impiegati malti italiani e belgi, luppoli per lo più americani, tedeschi e cechi e la splendida acqua del Gran Sasso che viene estratta a pochi chilometri dall’azienda. Ci si affida anche a materie prime del territorio come ad esempio il miele millefiori, la menta piperita e caffè torrefatto localmente.

“Opperbacco che birra! È l’esclamazione che vorrei che si pronunciasse all’assaggio delle mie birre. Presi il Bacco di Caravaggio, gli tolsi il bicchiere di vino e gli misi in mano un bicchiere di birra. Così nacque Opperbacco”. Luigi Recchiuti.