Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

La Casa Di Cura T.A.C.

Birrificio
La Casa di Cura
Nazione
Italia
Stile
Saison / Farmhouse Ale

Saison / Farmhouse Ale

Altamente carbonate, asciutte e con un’alcolicità media. I profumi fruttati dominano l’aroma e il palato, evocando sentori agrumati, speziati o floreali. Rinfrescanti, leggermente acidule, moderatamente amare e secche.

Colore
Dorato
Grado alcolico
6 %
Calice a tulipano Bicchiere consigliato
Calice a tulipano
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
La Casa Di Cura T.A.C. 33cl La Casa Di Cura T.A.C. 33cl
4,10 €
piu
meno
La Casa Di Cura T.A.C. 33cl La Casa Di Cura T.A.C. 33cl - Cartone da 12 bottiglie
46,80 €
a bottiglia € 3,90
piu
meno

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 13   Voto RateBeer 3.7 / 5
Stile Saison / Farmhouse Ale   Temperatura di servizio 7/10° C
Formati disponibili Bottiglia 33cl
La TAC è una "saison" d'ispirazione belga brassata utilizzando malti pilsner e fiocchi di frumento a cui vengono aggiunti in bollitura luppoli chinook e sorachi ace sia in amaro che in aroma. La gradazione alcolica moderata (5,5% vol.) e le piacevoli note amare dei luppoli la rendono adatta a tutte le "stagioni".
Abbinamenti consigliati

Aperitivo

Carni bianche

Carni rosse

Frutti di Mare

Pesce

Piatti speziati

Pizza

Verdure

Prodotti consigliati

Recensioni Prodotti
Numero di recensioni ricevute : 4
Voto medio : 4.5 /5
S. Monica
  il 12/04/2018
5/ 5
immancabile
S. Mauro
  il 03/08/2017
4/ 5
Amara il giusto, per il mio gusto personale, luppolo ottimo e finale acidulo...che non guasta!!!
P. Gianni
  il 20/05/2017
4/ 5
Non male
F. MASSIMILIANO
  il 20/04/2017
5/ 5
Ottima

Nazione
Italia
Regione/città
Senarica di Crognaleto (TE)
www
www.birrificiolacasadicura.it

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Giugno 2018

Ci troviamo a Senarica, una frazione del Comune di Crognaleto nella valle del Vomano in Provincia di Teramo dove, il 13 marzo del 2013, avviene la nascita ufficiale del birrificio dal nome curioso, anche se le prime cotte sperimentali erano già state fatte nel 2012. In questa splendida cornice immersa nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga i fautori dell’operazione sono quattro amici legati dalla passione per le sperimentazioni e le virtù nutritive: Luigi Recchiuti, fautore e titolare del progetto, il più noto ai birrofili poiché anche proprietario del birrificio Opperbacco a Notaresco (uscirà dalla società nel 2016), Alfredo Giugno, cui sarà affidata la consolle del birrificio, Loreto Lamolinara, titolare di un’azienda di distribuzione nel ramo craft beer e altresì collaboratore di Opperbacco per alcune ricette e Tonino Ventilii, esperto in botanica e proprietario di un vecchio laboratorio di confetture che diventerà la sede del birrificio, sfruttando anche la vicina Fonte Mercurio che garantisce costantemente acqua purissima con bassa durezza e povertà di calcare, ideale quindi per creare birre dal carattere “pulito” e leggero.

Questi quattro “Cavalieri del malto” conoscono da tempo le antiche proprietà curative della birra e l’apporto benefico delle sostanze nutritive in essa contenute. Non soltanto vitamine, sali minerali e fenoli dal forte potere antiossidante ma anche la consapevolezza che la birra, soprattutto quella artigianale, ha tutte le caratteristiche del prodotto “vivo”, capace di interagire armoniosamente con il nostro metabolismo fisico e metafisico.

“In un mondo moderno dove l’uomo consuma alimenti chimicamente alterati e pieni di conservanti, la purezza della birra artigianale può davvero incarnare l’odierna pozione curativa”: questi i principi su cui si fonda la filosofia del birrificio. Una struttura volutamente piccola con una sala di cottura da 6 ettolitri ed una produzione annua di circa 600 ettolitri.

La decina di birre prodotte, suddivise in Classiche, Colla-Brew e One-Shot, tutte ad alta fermentazione, strizzano l’occhio a volte all’Inghilterra altre volte al Belgio e spesso vengono realizzate impiegando erbe, frutta e spezie raccolte in natura. Le splendide e spassose etichette delle bottiglie sono tutte ispirate a trattamenti ospedalieri naturalmente.