Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Hanssens Oude Gueuze

Birrificio
Hanssens Artisanaal
Nazione
Belgio
Stile
Lambic

Lambic

Complesse, bilanciate, rinfrescanti e non carbonate. Piacevolmente aspre e acidule, con profumi a volte estremi. La loro acidità sostituisce l’amaro del luppolo nell’equilibrio generale.

Colore
Biondo dorato
Grado alcolico
6 %
Calice a tulipano Bicchiere consigliato
Calice a tulipano
FORMATI
Hanssens Oude Gueuze 37.5cl Hanssens Oude Gueuze 37.5cl
Prezzo: € 6,40
Hanssens Oude Gueuze 37.5cl Hanssens Oude Gueuze 37.5cl - Cartone da 24 bottiglie
Prezzo: € 148,80
a bottiglia € 6,20
Hanssens Oude Gueuze 75cl Hanssens Oude Gueuze 75cl
Prezzo: € 11,80
Hanssens Oude Gueuze 75cl Hanssens Oude Gueuze 75cl - Cartone da 12 bottiglie
Prezzo: € 138,00
a bottiglia € 11,50
In arrivo
Seleziona la quantità e

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Acidulo   Tipo di fermentazione Fermentazione spontanea
Gradi Plato 13   Voto RateBeer 98 / 100
Voto Beer Advocate 93 / 100   Stile Lambic
Formati disponibili Bottiglia 37.5cl, Bottiglia 75cl
Top 50 RateBeer. Dal colore dorato, Oude Geuze del birrificio Hanssens è un blend di Lambic di diverse annate. La caratteristica principale di questa birra è la sua acidità (acidità lattica), che viene nettamente percepita nei sentori sia al naso che al palato. Al naso l'aroma è intenso e pungente, con note aspre di agrume e sfumature di legno e cantina, tipiche dello stile. Al palato protagonista è l'acidità, messa in evidenza da sentori aspri di agrume e frutta. Finale secco.
Abbinamenti consigliati

Dolci

Formaggi

Frutti di Mare

Prodotti consigliati

Visualizza il certificato di fiducia
  • For further information on the nature of the review controls, as well as the possibility of contacting the author of the review please consult our CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni.
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni.
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modifirare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne con una nuova.
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

5 /5

Basato su 4 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    0
  • 5
    4
Ordina recensioni per:

David B. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 27/02/2019

5/5

Birra molto buona per chi ama il genere. La riprenderò.

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Palma I. pubblicato il 24/01/4967 in seguito ad un ordine del 16/01/2019

5/5

Ottima qualità prezzo

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Francesca C. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 09/02/2018

5/5

Il miglio lambic che abbia mai bevuto. Non la conoscevo

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Guido M. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 12/12/2017

5/5

Ottima

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Nazione
Belgio
Regione/città
Dworf
www
www.delambiek.be

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Gennaio 2020

Hanssens, come lo conosciamo oggi, affonda le sue radici in un birrificio noto come Brewery Het Hooghuys di proprietà della famiglia Van Hemelrijk sin dal 1769, anno in cui venne acquistato dal Barone de Hemptinne, notabile del piccolo villaggio di Dworf appartenente alla municipalità di Beersel sita a Sud di Bruxelles (Bramante Fiammingo), che sino a quel tempo glielo aveva dato solo in gestione (Fonte Wikipedia). La fabbrica di birra venne associata al nome Hanssens dopo che Petrus Van Hemelrijk sposò Joanna Maria Hanssens nel 1837. Jozef, il figlio maggiore della coppia, rilevò l’attività di famiglia e continuò ad amministrarla fino al 1888 quando improvvisamente si ammalò. Nello stesso anno, lasciò a suo cugino Bartholomé Hanssens, che in seguito divenne sindaco di Dworp dal 1914-1927, le redini del birrificio a condizione che lo restituisse alla famiglia Van Hemelrijk quando i figli di Jozef erano abbastanza grandi per occuparsi dell'attività.

Il contratto prevedeva una locazione di nove anni. Trascorso questo periodo Bartholomé si rifiutò di restituire il birrificio e alla fine fu licenziato. Ormai del tutto sedotto dal proprio lavoro si mise alla ricerca di una nuova sede produttiva; incappò in una fattoria in vendita a qualche isolato di distanza in Vroenenbosstraat, la acquistò e li installò un nuovo impianto. Nasce così nel 1897, in questa tenuta, l’attuale residenza della famiglia Hanssens, il birrificio Sint Antonius dove venne prodotta, non essendo in origine Bartholomé né un produttore né un assemblatore di Lambic, una birra scura da tavola chiamata “Waalschen Bruynen” (Walloon Brown), che in breve tempo attirò molti dei clienti di Het Hooghuys insoddisfatti della nuova gestione. Incapace di gestire il birrificio, la famiglia Van Hemelrijk chiuse l’attività nei primi anni del ‘900 (Fonte: Giornale della Birra).

Durante il Primo Conflitto Mondiale tutta l’attrezzatura in rame del birrificio fu sequestrata dalle forze tedesche occupanti per scopi bellici; Bartholomé, privato dei mezzi di sussistenza decise, impossibilitato a produrne uno proprio, di acquistare da terzi il mosto con cui riempì le botti ormai vuote del birrificio facendolo fermentare e maturare per realizzare Lambic e assemblare Gueuze che ottennero in brevissimo tempo un’ottima reputazione. Da questo momento l’occupazione principale della brewery divenne il blending e Bartholomé divenne di fatto un “blender”. Dal suo secondo matrimonio ebbe quattro figli di cui due maschi: Jozef che morì molto giovane e Theo che divenne il successore del business di famiglia. Theo Hanssens iniziò a studiare il mestiere di miscelazione lambica già all'età di 14 anni presso un altro grande produttore di Lambic di Dworp, la “Brouwerij Winderickx”. Rilevò l'attività a tempo pieno nel 1928, anno in cui Bartholomé morì.

Nel 1932 gli edifici ormai vuoti che ospitavano il birrificio furono demoliti per far posto alla casa di famiglia. Nello stesso periodo tutte le botti in cui riposava il Lambic furono marchiate con la sigla THV, acronimo di Theo Hanssens-Vastiau, in onore del matrimonio dello stesso con Rosa Vastiau. La crisi delle birre a fermentazione spontanea causata anche dall’avvento delle birre Lager costrinse Hanssens a cambiare i fornitori da cui acquistava il mosto. Tutti, tranne Timmermans che per politica aziendale decise di non fornirgli più il mosto, chiusero i battenti. Trai i pochi produttori di Lambic rimasti Theo si rivolse a Girardin e Lindemans; negli anni Novanta si aggiunse anche Boon. Questi tre birrifici rappresentano tuttora i tre fornitori di Hanssens. Jean Hanssens subentrò al padre Theo nel 1974 continuando a realizzare solo Gueuze e Kriek negli anni ’70 e ’80 mentre il mercato lambico continuava a ridursi. Per i blender non furono tempi facili e Jean, ormai giunto ad età pensionabile, era convito di cessare qualsiasi tipo di attività prima dell’arrivo del nuovo millennio. Fortunatamente Sidy, la figlia di Jean e la moglie Julienne De Wulf, all’ora poco più che ventenne, assieme al marito John Matthys si interessarono a continuare l'attività di famiglia.

E così il 1° gennaio del 1998 nacque la Hanssens Artisanaal bvba gestita dalla quarta generazione di Hanssens. Essendo una realtà brassicola molto piccola, come voluto dallo stesso Jean, nessuno dei due coniugi lasciò il precedente lavoro; Sidy è assistente in uno studio legale e John controllore aereo nel vicino aeroporto di Zaventem. Anche se svolgono questo lavoro solo in modo part-time e come hobby, la coppia investì in nuove botti, in una nuova imbottigliatrice semiautomatica e cominciò ad applicare le etichette sulle bottiglie; per il resto continuano a operare strettamente legati alla tradizione aiutati da parenti ed amici.

Ad oggi, non ci sono successori immediati del nome Hanssens ed è ancora tutto situato a Dworp nella stessa fattoria di famiglia acquistata molti anni prima da Bartholomé. Sidy e John, pur non avendo eredi, sono fiduciosi per il futuro della loro azienda, non avrebbero infatti problemi a trovare un acquirente visto il rinnovato interesse per le birre a fermentazione spontanea in tutto il mondo. L’arte dei blenders (Geuzestekerij) è uno dei mestieri più difficili nell’ambito dell’arte brassicola poiché richiede molta esperienza, abilità ed impegno.

I Lambic freschi selezionati vengono maturati (invecchiati) per diverso tempo in botti di rovere ed infine miscelati ed imbottigliati per dare origine alle Gueuze. Sidy ed il marito John, nel pieno rispetto della qualità e della tradizione, mettono a macerare in alcuni Lambic frutti tipici locali senza l’aggiunta di dolcificanti, come le fragole (Beitje) o le pregiate ciliegie (Schaarbeekse), donando alle birre realizzate un’unicità incomparabile nel loro genere. Hanssens Geuzestekerij fu il primo ad utilizzare il termine Oude (vecchio) per i propri blend (Oude Geuze e Oude Kriek) poiché prevedono solitamente un impiego maggiore di Lambic invecchiati per almeno tre anni. Hanssens è membro di HORAL, l’Alto Consiglio per le Birre Lambic artigianali, un'organizzazione senza scopo di lucro che riunisce i produttori di birra e i miscelatori di Gueuze del Pajottenland e della valle della Zenne in Belgio.

 
Visualizza il certificato di fiducia
  • For further information on the nature of the review controls, as well as the possibility of contacting the author of the review please consult our CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni.
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni.
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modifirare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne con una nuova.
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

5 /5

Basato su 4 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    0
  • 5
    4
Ordina recensioni per:

David B. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 27/02/2019

5/5

Birra molto buona per chi ama il genere. La riprenderò.

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Palma I. pubblicato il 24/01/4967 in seguito ad un ordine del 16/01/2019

5/5

Ottima qualità prezzo

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Francesca C. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 09/02/2018

5/5

Il miglio lambic che abbia mai bevuto. Non la conoscevo

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Guido M. pubblicato il 01/01/1970 in seguito ad un ordine del 12/12/2017

5/5

Ottima

Questa recensione è stata utile? 0 No 0