Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Ondineke Tripel

Birrificio
De Glazen Toren
Nazione
Belgio
Stile
Abbey Tripel

Abbey Tripel

Di buon corpo ed intensamente aromatiche, con toni speziati e fruttati che si amalgamano con l’indole pulita e rotonda del malto, creando una “pozione” sorprendentemente beverina, nonostante l’alto tenore alcolico.

Colore
Dorato opalescente
Grado alcolico
8.5%
Balloon Bicchiere consigliato
Balloon
Tipo di fusto
KeyKeg
Tipo di attacco fusto
KeyKeg
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
Non ci sono opzioni per questo prodotto.

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Dolce   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 18   Voto RateBeer 94 / 100
Voto Beer Advocate 91 / 100   Stile Abbey Tripel
IBU 25   Temperatura di servizio 7/9°C
Formati disponibili Fusto 20lt
Ondineke (Oilsjtersen Triple) è la seconda birra, in ordine di tempo, prodotta dal birrificio De Glazen Toren. Per produrla viene utilizzato il luppolo della zona intorno alla città di Aalst (Hallertau Mittlefruh). Tutto ciò ha fatto sì che il consiglio comunale della città l’abbia scelta quale “birra della città”: il giallo e il rosso dell’etichetta, sono, difatti i colori municipali. Birra dal bel colore biondo, con schiuma abbondante fine e non molto persistente. Al naso ha un inizio fruttato, molto abboccato, di frutta bianca matura e una nota fuggente di caramello, seguono poi aromi speziati, di lievito ed agrumati. Al palato alterna note maltate, speziate a note più secche ed astringenti, lievemente citriche, che però non contrastano con la sensazione globale di rotondità che il corpo di questa birra offre. Il finale è discretamente lungo e persistente, con la prevalenza di note agrumate.

Nazione
Belgio
Regione/città
Erpe-Mere
www
www.glazentoren.be

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Febbraio 2018

Situata nel Comune belga chiamato Erpe-Mere, nella Provincia fiamminga delle Fiandre Orientali, la brouwerij viene inaugurata l’11 novembre 2004 e nasce dalla collaborazione tra Jef Van den Steen, insegnante con l’hobby della musica e la passione per le birre belghe (soprattutto Trappiste, d’Abbazia e Lambic), a cui ha dedicato dei libri, già giudice birraio in competizioni internazionali, assieme a Dirk De Pauw, al momento responsabile finanziario di un ospedale nella città belga di Aalst e Mark De Neef, capo bibliotecario nel medesimo centro abitato e titolare di un master in diverse lingue.

Jef e Dirk nel 1988, condotti dalla stessa passione, cominciano, pur puro diletto, a produrre birra in un garage con un bollitore da 50 litri, senza rinunciare alla loro occupazione (ricoprivano la carica rispettivamente di assessore e segretario comunale nel municipio di Erpe-Mere) ma i primi esperimenti non produssero i risultati sperati e quindi decisero di frequentare un corso triennale di formazione birraia alla prestigiosa C.T.L. (Hogeschool) di Gent, laureandosi ambedue nel 1994 con il titolo di mastro birraio.

Conclusi brillantemente gli studi ed affinata la tecnica è ora di pensare in grande ed iniziano a realizzare birre usufruendo temporaneamente delle modeste attrezzature della birreria Meesters, sita nel piccolo villaggio di Galmaarden nelleFiandre(Brabante Fiammingo), che aveva chiuso i battenti. Nel 2002 si unisce il terzo socio Mark e, due anni più tardi, la produzione si trasferisce in maniera definitiva negli attuali locali ad Erpe-Mere. Il nome del birrificio, “strada della torre di vetro”, deriva dal suo indirizzo civico (Glazen Torenweg, 11) che a sua volta, in modo bizzarro, prende il nome da un vecchio bordello esistente tempi addietro.

De Glazen Toren, in continua evoluzione e dotato di moderni sistemi di burrificazione, ha subito vari riammodernamenti ed ampliamenti strutturali nel tempo, dotandosi di attrezzature ultramoderne nel 2006, 2007 e nel 2009, vista la crescente domanda dei pochi ma pluripremiati fermentati prodotti, concepiti in modo tradizionale e naturale con maturazioni molto lunghe ed impiegando solo le migliori materie prime. Di matrice belga e scozzese, le birre vengono realizzate con un impianto costruito in Germania da 25 hl con solo due cotte a settimana con una produzione annua di circa 200-2500 hl. Distribuite in fusto e imbottigliate nel solo formato da 75 cl non portano un’etichetta ma vengono incartate a mano con un caratteristico foglio avvolto attorno alla bottiglia: i tappi recano inciso il simbolo del birrificio di colore differente a seconda dalla birra.

Il birrificio è valutato come uno dei più importanti presenti in Belgio e Jeff ha sempre dimostrato di essere legato alle tradizioni della sua terra: tutte le sue realizzazioni hanno un riferimento storico. Sin dalla sua fondazione, il birrificio si è sempre orientato verso l’esportazione che rappresenta l’80% della produzione, in particolar modo verso Stati Uniti, Italia, Scandinavia ma anche Giappone, Svezia, Canada, Austria, Danimarca e dal 2014 anche l’Australia.