Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Û Baccabianca

Birrificio
Ca' Del Brado
Nazione
Italia
Stile
Italian Grape Ale

Italian Grape Ale

Definita come una birra italiana caratterizzata da diverse varietà di uva, talvolta rinfrescante, a volte più complessa. Prodotta dalla combinazione di malto con uva o mosto d’uva. Può rappresentare l’espressione di appartenenza al territorio, biodiversità e creatività del birraio.

Colore
Ambrato
Grado alcolico
7.9 %
Calice a chiudere Bicchiere consigliato
Calice a chiudere
FORMATI
Ca' del Brado Û Baccabianca Û Baccabianca 37.5cl
Prezzo: € 8,90
Ca' del Brado Û Baccabianca Û Baccabianca 37.5cl - Cartone da 12 bottiglie
Prezzo: € 104,40
a bottiglia € 8,70
Seleziona la quantità e

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Acidulo   Tipo di fermentazione Fermentazione spontanea
Gradi Plato 15   Stile Italian Grape Ale
Temperatura di servizio 5/6°C   Formati disponibili Bottiglia 37.5cl
Extra Da non perdere
Û baccabianca è un Italian Grape Ale realizzata con il 10% di uva Grechetto Gentile destinata al Pignoletto del vignaiolo biodinamico Gradizzolo. Il mosto è stato sottoposto ad un ambiente fermentativo spontaneo proveniente dagli acini, oltre ad un inoculo di brettanomyces, per poi affinare per 6/7 mesi in botte con le bucce in macerazione. Ne risulta una birra di colore ambrato, con aromi floreali, da frutta gialla matura ed eleganti note di ossidazione. Il corpo sinuoso è inspessito dai tannini e arrotondato dal legno, mentre la beva viene facilitata da un’accentuata secchezza. Prodotto in evoluzione destinabile all ’invecchiamento.

Il nome che il birrificio ha scelto per l'intero progetto che riguarda lo stile Italian Grape Ale è Û, ovvero "uva" in dialetto bolognese. Il progetto nasce dalla voglia di lavorare con vinaioli naturali che abbracciassero la filosofia dei lieviti indigeni (visceralmente legati ad una specifica uva e ad uno specifico luogo) e coltivassero vigneti storicamente radicati al territorio.
Abbinamenti consigliati

Dolci

Formaggi

Pasta

Pesce

Prodotti consigliati

Nazione
Italia
Regione/città
Bologna
www
www.cadelbrado.it

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Marzo 2018

Ca' del Brado nasce in provincia di Bologna da un’idea di Mario “Quark” di Bacco, Luca Sartorelli, Andrea Marzocchi e Matteo d’Ulisse. Nel 2014 nasce il progetto: tanto studio sui lieviti non convenzionali, tanta burocrazia, ma soprattutto tante sperimentazioni. Fino ad arrivare al 2016 quando, il 2 Dicembre, esce la loro prima birra. Fino ad arrivare al 2016 quando, il 2 Dicembre, esce la loro prima birra. I quattro fondatori di Ca' del Brado preferiscono definire il loro progetto e la loro realtà, una “Cantina Brassicola” poiché loro si prendono cura della fermentazione e dell’affinamento di mosti di malto, attraverso maturazioni in tini di legno con diverse caratteristiche.

Si occupano della trasformazione del prodotto da mosto a birra studiandone le ricette e le fermentazioni dedicate (propagazione ed inoculo di lieviti classici e l’incentivazione di lieviti selvaggi) in aggiunta ad affinamenti e maturazioni in botti di diversa tipologia. Il mosto viene fatto fare su idea dei quattro soci, con ricetta propria. Queste modalità rendono quindi il loro sito produttivo un laboratorio simile ad una cantina vinicola, da qui nasce infatti la loro definizione di “cantina brassicola”.

Il nome, Ca’ del Brado, riflette in sé le caratteristiche del progetto e vuole essere il manifesto delle loro intenzioni produttive. CA’ per mantenere una denominazione legata al territorio, e che sia la casa dove una variegata flora di lieviti e batteri possono trasformare la materia grezza (il mosto) in birre dal carattere unico ed inconfondibile.

BRADO vuole richiamare volutamente due accezioni differenti:
- Bradùs, etimologia greca che significa lento, perché i nostri prodotti effettueranno maturazioni e affinamenti che richiedono tempo (in alcuni casi addirittura anni) e si situano quindi nei cicli produttivi più lunghi del mondo birrario.
- Allo stato Brado, in quanto utilizzando  lieviti selvaggi e flore batterico/fermentative vive nel legno, sarà sempre presente una parte libera e in qualche modo non completamente controllabile, come in diversi altri affascinanti processi che avvengono in natura.

Il loro animale totem e anche protagonista di etichette, logo e comunicazioni, è il bellissimo Bradipo.

Il progetto diciamo più veloce è la Piè Veloce che ha “solo” cinque mesi di gestazione. Tra i progetti invece più “lenti” c’è la Nessun Dorma che ha un percorso molto lungo, di quasi un anno in Cantina. Siamo davanti a quattro professionisti e ad una cantina brassicola con le idee molto chiare, un progetto ben definito dove nulla è lasciato al caso ed è molto bello vedere un’attività come quella di Cà del Brado che sa esattamente in quale direzione andare.


Premi e riconoscimenti

A Birra dell’Anno 2018 hanno ricevuto ben due menzioni d’onore nella categoria 37 (Birre chiare, ambrate e scure, fermentazione alta, bassa o spontanea anche con uso di Brettanomyces, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dalle note acide) con la Pié Veloce Lambicus e la Pié Veloce Lambicus Golding oltre che ad aggiudicarsi un secondo posto con la Pié Veloce Brux Cascade.