Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Troubadour Blonde

Birrificio
The Musketeers
Nazione
Belgio
Stile
Golden Ale / Blonde Ale

Golden Ale / Blonde Ale

Di corpo medio e dalla fine complessità olfattiva, con sentori di frutta e spezie impartiti dal lievito e un leggero profumo di malto e luppolo. Palato leggermente dolce bilanciato da un amaro poco intenso. Retrogusto secco.

Colore
Giallo paglierino
Grado alcolico
6.5 %
Pinta Bicchiere consigliato
Pinta
FORMATI
Brouwerij The Musketeers Troubadour Blonde 33cl Troubadour Blonde 33cl
Prezzo: € 2,90
Brouwerij The Musketeers Troubadour Blonde 33cl Troubadour Blonde 33cl - Cartone da 24 bottiglie
Prezzo: € 64,80
a bottiglia € 2,70
In arrivo
Brouwerij The Musketeers Troubadour Blonde 75cl Troubadour Blonde 75cl
Prezzo: € 7,10
Brouwerij The Musketeers Troubadour Blonde 75cl Troubadour Blonde 75cl - Cartone da 6 bottiglie
Prezzo: € 40,80
a bottiglia € 6,80
Seleziona la quantità e

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 16   Voto RateBeer 87 / 100
Voto Beer Advocate 89 / 100   EBC 14
Stile Golden Ale / Blonde Ale   IBU 30
Temperatura di servizio 6/8°C   Formati disponibili Bottiglia 33cl, Bottiglia 75cl

Birra con un bel colore giallo paglierino, leggermente velato con un abbondante cappello di schiuma fine e cremosa, molto durevole.
Il suo elevato grado alcolico (6.5%) è dovuto a una rifermentazione in bottiglia. 
L’aroma è composto da un ottimo sapore fruttato, caratteristico dei lieviti usati per questa prelibatezza.
Si notano anche dolci note di pesca, albicocca, arancia e spezie per insaporire il tutto.
Il sapore è molto simile all’aroma. Prevale la frutta a polpa gialla con un leggero finale mielato.
Birra molto pulita con un finale secco, un retrogusto leggermente amaro e un interessante nota pepata.
Dal corpo medio, con una carbonatazione sostenuta, molto frizzante e pulita.
Ottima da gustare in ogni momento.


ABBINAMENTI CONSIGLIATI:
Con una Bionda come questa si può abbinare qualunque cosa partendo dai salami, gli altri affettati, agnello, maiale, carne ai ferri passando per stuzzichini tartine e formaggi semi-stagionati per concludere con i primi piatti di pesce, merluzzo o con una semplice insalata.

Abbinamenti consigliati

Carni rosse

Pasta

Piatti vegetariani

Pizza

Verdure

Prodotti consigliati

Visualizza il certificato di fiducia
  • For further information on the nature of the review controls, as well as the possibility of contacting the author of the review please consult our CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni.
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni.
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modifirare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne con una nuova.
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

5 /5

Basato su 2 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    0
  • 5
    2
Ordina recensioni per:

Nicola P. pubblicato il 16/02/2018 in seguito ad un ordine del 06/02/2018

5/5

Impressionante

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Emiliano F. pubblicato il 07/09/2017 in seguito ad un ordine del 27/08/2017

5/5

Buonissima birra belga

Questa recensione è stata utile? 0 No 0

Nazione
Belgio
Regione/città
Ursel
www
www.themusketeers.be

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Gennaio 2018

Questa beer firm è stata fondata nel 2000 grazie alla collaborazione fra quattro giovani ingegneri colleghi di studi poiché tutti laureatisi al famosissimo collegio universitario “KAHO Sint-Lieven” sito nella Città di Gent, capoluogo delle Fiandre Orientali. Stefaan Soetemans, Kristof De Roo, Rikkert Maertens e Sven Buys, appena terminati gli studi, compiono i primi e del tutto casalinghi “esperimenti” ed errori, impiegando un piccolo impianto pilota in un garage nel Comune di Ursel che, durante la Seconda Guerra Mondiale, ospitò un importantissimo aeroporto militare. Presto si resero conto che trovare lavoro come Brew-Master nel mondo della birra belga non era cosa semplice poiché, segreti e tradizioni, sono gelosamente custoditi all’interno di ogni famiglia birraia o birrificio. Per nulla intimoriti dagli sforzi necessari, decisi a realizzare il proprio sogno e animati dallo stesso spirito dei moschettieri francesi del XVIII secolo, i quattro amici investirono tutte le proprie risorse per dare origine al progetto chiamato: “The Musketeers”.

Dopo aver recuperato le necessarie attrezzature, affinata la tecnica e sistemate le ricette, finalmente realizzarono una Golden Ale dal carattere abbastanza robusto che subito incontrò il favore dei consumatori. Rimaneva solo un piccolo dettaglio: come chiamarla? Dopo varie mozioni tutti furono d’accordo sul nome “Troubadour” che, in seguito, identificherà tutta la linea brassicola prodotta interamente utilizzando gli impianti della De Proef Brouwerij a Lochristi- Hijfte.

Il termine “Troubadour” è un chiaro riferimento ai trovatori/cantastorie/menestrelli medioevali, giovani uomini che girovagavano di villaggio in villaggio, di corte in città, portando con sé gioia, musica, tradizioni, poesia, vicende e le leggende di altri luoghi. I quattro amici ritennero che la propria birra potesse portare la stessa gioia e divertimento, compiacendo la gente con una piacevole bevuta tradizionale.

Le decina di birre prodotte nel corso degli anni, di matrice belga ma con contaminazioni americane ed inglesi, hanno ricevuto importanti riconoscimenti a concorsi nazionali ed internazionali, ad esempio al “Zythos Bier Festival”, “Brussels Beer Challenge” e al “World Beer Cup”.

Il 2 settembre 2017, appare sul sito della beer firm la notizia che finalmente comincerà la costruzione di un proprio birrificio, altamente tecnologico ed eco-sostenibile, con annessi gli uffici di The Musketeers, situato nel Comune di Sint-Gillis-Waas. I “moschettieri” possederanno finalmente una casa propria. La nuova brewery sorgerà all’interno di caratteristici edifici che in precedenza accoglievano un vecchio forno di mattoni abbandonato per anni. Diventerà un'attrazione turistica; le persone potranno visitare il birrificio, assaggiare le birre ed anche deliziosi piatti regionali. Tutto dovrebbe essere pronto entro il 2018.