Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Spring Break

Birrificio
Birranova
Nazione
Italia
Stile
IPA India Pale Ale

IPA India Pale Ale

Moderatamente forti e molto ben attenuate, le birre India Pale Ale (IPA) sfoggiano un aroma e un gusto agrumato ed erbaceo, dove il luppolo naviga incontrastato verso un finale secco ed aromatico. Tuttavia, hanno un’indole meno amara e un profilo maltato superiore rispetto alle cugine americane.

Colore
Dorato
Grado alcolico
5 %
Pinta Bicchiere consigliato
Pinta
FORMATI
Spring Break 33cl Spring Break 33cl
Prezzo: € 4,50
In arrivo
Spring Break 33cl Spring Break 33cl - Cartone da 12 bottiglie
Prezzo: € 51,60
a bottiglia € 4,30
In arrivo
Seleziona la quantità e

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 12   Sottostile White IPA
Stile IPA India Pale Ale   Temperatura di servizio 6/8°C
Formati disponibili Bottiglia 33cl
Spring Break fa parte della linea "Why Not", ideata dal birrificio Birranova per gli amanti delle bevute estreme, che vede protagoniste birre amare e preparate con luppoli aromatici; una linea pensata contro l'omologazione del gusto, i fumi delle industrie e le banalità. Spring Break è una White IPA dal colore dorato leggera e rinfrescante. Piacevolmente amara.
Abbinamenti consigliati

Carni bianche

Piatti piccanti

Piatti speziati

Pizza

Verdure

Prodotti consigliati

Nazione
Italia
Regione/città
Triggianello (BA)
www
www.birranova.it

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Ottobre 2019

Ci troviamo nella frazione di Triggianello, un piccolo centro abitato vicino a Polignano a Mare, distante 40 Km da Bari. Il birrificio germoglia nel 2007 ed il suo papà si chiama Donato Di Palma, attualmente riconosciuto come uno dei più rappresentativi birrai italiani in Meridione. Classe ’74, a 16 anni parte per il Regno Unito per studiare l’inglese ma, ancor più della lingua, impara ad apprezzare le molteplici ed eterogenee birre. Come lui stesso dichiara: “erano i favolosi anni ’90 e, preso dalla mia nuova passione, assaggiavo le birre più disparate ed insolite”. Una volta tornato in Puglia cominciò a dedicarsi all’homebrewing incuriosito ed incoraggiato da un libro di Nicola Fiotti chiamato: “La birra fatta in casa. Piccola guida per diventare birrai casalinghi”. Il successo delle ricette tra amici e conoscenti, lo portò a perseguire la strada intrapresa ed a frequentare un corso di formazione e un tirocinio in Germania.

Una volta apprese le necessarie nozioni dopo una lunga gavetta accanto a storici birrai italiani e tedeschi e dopo aver partecipato a numerosi concorsi dedicati, decise di dar vita al proprio sogno: “aprire un birrificio e poter bere a volontà dell’ottima birra gratis!”. In un primo momento, le birre realizzate, vengono proposte nel pub di proprietà in abbinamento a piatti Bavaresi ed alla cucina tipica pugliese; gestito dalla moglie di Donato e chiamato “La Cantina della Birra”, si trova accanto al birrificio e nei primi due anni di attività fagocita tutta la produzione. In seguito, avviene la distribuzione in altri locali della zona e dal 2010 la birra viene anche imbottigliata.

Nonostante l’impianto da 7 ettolitri, disegnato da Donato e realizzato da un’azienda locale, sia rimasto lo stesso negli anni, Birranova è cresciuta molto e tale sviluppo ha richiesto adeguati serbatoi di fermentazione e maturazione che hanno triplicato la superfice della cantina, assieme ad un magazzino più spazioso, una bottaia con differenti barrique e, in particolar modo, una nuova e più tecnologica imbottigliatrice isobarica.

Le birre proposte sono realizzate mediante l’impiego di ingredienti di qualità, senza uso di estratti, combinate con armonia e sono volte a rappresentare sia la tradizione millenaria della birra stessa, sia il territorio d’origine, la Puglia. A tal proposito in diverse proposte vengono utilizzate materie prime tipiche del territorio, riscoperte e valorizzate. “Produciamo diversi tipi di birra, perché questa è la nostra passione” proferisce Donato, aggiungendo “la realtà è che proprio non riusciamo a fare a meno di sorprendere i nostri clienti; crediamo che la birra debba trasmettere sensazioni ed emozionare i palati”.

La produzione si compone di una quindicina di birre differenti per un totale di circa 1600 ettolitri l’anno, distribuite sia sul territorio nazionale ma anche negli Stati Uniti e Svezia. Viene suddivisa in tre linee differenti: la Linea Classic, stili classici reinterpretati con personalità e che comprende le birre prodotte fin dall’inizio, la Limited Edition, nuove sperimentazioni prodotte in quantità limitata e la Why Not, ideata per chi ama bere qualcosa di estremo in ogni momento.

Produrre birra artigianale di qualità non è cosa semplice e farlo in una terra votata al vino, come la Puglia, è ancora più difficile. Tuttavia, la natura, la storia, la tradizione e i sapori del territorio natio hanno contribuito al conseguimento di importanti traguardi nazionali.


Premi e riconoscimenti

- Birra dell’anno 2018: 1° Posto per la Arsa nella Categoria 31 - Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di cereali speciali (compresi grani antichi)

- Birra dell’anno 2018: 1° Posto per la Gran Bay nella Categoria 41 - Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico di ispirazione libera e non rientranti in nessuna delle precedenti categoria (Extraordinary Ale / Extraordinary Lager)

- Birra dell’anno 2017: 1° Posto per la Primatia nella Categoria 21 - Scure, alta fermentazione, alto grado alcolico, di ispirazione belga

- Birra dell’anno 2017: 3° Posto per la Magic key nella Categoria 25 - Birre alla frutta, alta e bassa fermentazione