Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Anspach & Hobday The Smoked Brown

Birrificio
Anspach & Hobday
Nazione
Inghilterra
Stile
Smoked

Smoked

Lo stile Smoked racchiude tutte le birre ad alta fermentazione dove è utilizzato del malto affumicato come caratteristica principale per aroma e sapore. I migliori esempi evidenziano l’equilibrio tra affumicato, luppolo e malto.

Colore
Marrone
Grado alcolico
6 %
Pinta Bicchiere consigliato
Pinta
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
Anspach & Hobday The Smoked Brown 33cl Anspach & Hobday The Smoked Brown 33cl
5,10 €
In arrivo
Anspach & Hobday The Smoked Brown 33cl Anspach & Hobday The Smoked Brown 33cl - Cartone da 24 bottiglie
117,60 €
a bottiglia € 4,90
In arrivo

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Gradi Plato 13   Voto RateBeer 87 / 100
EBC 50   Stile Smoked
IBU 24   Temperatura di servizio 10/12°C
Formati disponibili Bottiglia 33cl
Realizzata con malto proveniente da Bamberga, che viene affumicato come in origine, sul fuoco. Dal colore scuro, protagonista dei sentori è il malto, con le sue intense note affumicate, di frutta candita e caramello. Avvolgente sia al naso che al palato.
Abbinamenti consigliati

Arrosti

BBQ e affumicati

Carni rosse

Formaggi

Pesce

Selvaggina

Prodotti consigliati

Nazione
Inghilterra
Regione/città
Londra
www
www.anspachandhobday.com

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Settembre 2018

Questo nuovo protagonista della new-wave brassicola londinese che prende il nome dai fondatori, è stato avviato nel 2014 rispettivamente da Paul Anspach e Jack Hobday. Nati e residenti ambedue a Londra, ancora prima di diventare soci e gettare le basi del birrificio, sono stati compagni di merende, di asilo, coinquilini ma soprattutto grandi amici con una passione viscerale per la musica: "conosco Paul da quando avevo quattro anni", ricorda Jack. Durante gli studi universitari Paul, per sbarcare il lunario, lavorava part-time in un negozio di vini e birre; Jack, nello stesso lasso di tempo, fu incoraggiato da un suo insegnate ad acquistare un kit da homebrewer per realizzare la birra a casa, risparmiando in tal modo denaro.

In un primo momento l’onda “craft beer” passa abbastanza inosservata sino a quando i futuri soci non cominciano ad incuriosirsi al “movimento” ed assaggiano quelle che diventeranno le loro prime “icone brassicole”. Con questi presupposti Jack cerca e trova lavoro al caratteristico Euston Tap nella zona di King's Cross successivamente al Craft Beer Co nel quartiere di Brixton: il kit brassicolo iniziale composto da estratti viene sostituito da produzioni “All Grain”. Gli esperimenti fioccano, viene realizzata una Porter che giunge alle labbra di Oz Clarke, presentatore televisivo e famoso giornalista esperto di settore che ne rimane stupefatto.

Paul e Jack decidono di “iscrivere” la birra all’Internazionale Beer Challenge dove riceverà la medaglia d’argento: è la scintilla che illumina le menti dei due amici che decidono di aprire un birrificio. Al debutto le birre vengono realizzate presso il brewpub “Brew Wharf”, oggi non più presente e cominciano a farsi vedere per Londra nell’estate del 2012 con il nome “Alements”. Nel marzo dell’anno successivo si decide di lanciare una campagna di finanziamento su Kickstarter che raccoglierà più denaro di quello occorrente e che spingerà i due soci ad aprire, nel marzo del 2014, finalmente il birrificio e Tap Room in primo momento dividerà gli spazi con la Bullfinch Brewery, traslocatosi in seguito 8 Km più a Sud. L’ubicazione, sotto l’arcata di un viadotto, non è stata scelta a caso, poiché ci troviamo nientemeno che nel “Beer Mile” del quartiere di Bermondsey, dove nel 2009 ha aperto i battenti la Brewery Kernel: un’intera area di Londra diventata nel tempo meta di pellegrinaggio per i Beer Geek ed appassionati d’Europa e del Mondo poiché a poca distanza l’uno dall’altro troviamo birrifici e locali del calibro di Partizan, Southwark, The Bottle Shop, Brew by Numbers, Fourpure, EeBria Taproom, Mother Kelly’s e tanti altri.

Vista la crescente richiesta, l’azienda, attraverso il crowdfunding per raccogliere denaro, sta cercando una nuova casa per riuscire ad aumentare la produzione; il sito di Bermondsey rimarrà comunque attivo come taverna e come sede per un programma di invecchiamento in botte. Parlando della decisione di spostare la produzione da Bermondsey, il co- fondatore Jack Hobday ha dichiarato: "l'obiettivo principale è l'espansione. Spostando il kit in un nuovo sito di produzione avremo una maggiore opportunità di vendita al dettaglio qui a Bermondsey”.

Il birrificio investirà anche in una nuova linea di confezionamento che consentirà di passare alle lattine assieme ad un laboratorio per il controllo della qualità ed esperimenti sui lieviti selvaggi. In breve tempo Paul e Jack si sono trasformati da aspiranti homebrewer a proprietari di un birrificio di successo stimolati da una filosofia aziendale che si può riassumere in “guidati dalla tendenza della craft beer contemporanea ed ispirati dall'illustre eredità birraria di Londra, vorremmo recuperare parte di essa e riportare la città al centro della mappa birraia Europea”. La produzione, che tuttavia segue il filone contemporaneo prendendo a modello quella di Kernel è suddivisa in: linea classica, sperimentale e collaborazioni.