Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Nazione
Olanda
Regione/città
Bramante Settentrionale / Berkel-Enschot
www
www.latrappe.nl

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Agosto 2013

Ci troviamo in Olanda e più precisamente a Berkel-Enschot, un villaggio nel Bramante settentrionale che dista solo 8 chilometri dal confine belga e che dal 1997 fa parte del Comune di Tilburg (distante 3 chilometri). Qui si erge, impetuosa nella sua magnificenza e sacralità, l’Abbazia di Onze-Lieve-Vrouw Van Koningshoeven. La sua storia ha inizio in Francia, nel 1880, quando l’abate Dom Dominicus Lacaes del monastero trappista francese di Saint-Marie-du-Mont a Mont-des- Cats, situato nel nord della Francia, incarica un suo monaco di fiducia, Sebastian Wyart, di andare alla ricerca al di fuori del territorio nazionale, di un posto “sicuro” dove poter trasferire tutta la comunità monastica, in quel momento pericolosamente minacciata dall’anticlericalismo. Dopo aver valutato e scartato l’opzione Inghilterra, la scelta cadde sui Paesi Bassi, in un’area attorno a Tilburg, territorio di brughiera, ricco di piccole fattorie, diverse case coloniche ed un ovile. L’ovile fu trasformato in un monastero temporaneo e il 5 marzo 1881 fu celebrata la prima eucarestia. In realtà prima di questa data c'erano già state numerose Abbazie cistercensi in Olanda, soprattutto al nord, ma l'aumento del protestantesimo e l'indipendenza delle province settentrionali, nei secoli XVI e XVII, portarono al decadimento di queste strutture. Per guadagnarsi da vivere i monaci iniziarono la bonifica dei terreni, l’allevamento del bestiame e la coltivazione della terra ma ben presto divenne evidente che i costi erano superiori ai profitti. Quando ci si rese conto che la struttura non riusciva più a provvedere alle più elementari necessità della vita, il padre superiore, Nivard Schweykart, figlio egli stesso di un produttore di birra, decise nel 1885 di avviare il progetto della costruzione di una piccola fabbrica di birra.

Questa struttura contrassegna l'inizio del solo birrificio trappista presente in Olanda, uno degli otto presenti in tutto il mondo e la più importante fonte di reddito per il monastero. L’Abbazia viene ufficialmente inaugurata nel 1884 e dieci anni dopo conta già più di 200 monaci. Dal 1891, sotto la guida del suo primo abate, Dom Willibrordo Verbruggen, inizia la commercializzazione della birra all’esterno dell’Abbazia con buoni risultati che portano ad un progressivo ampliamento ed ammodernamento delle strutture del birrificio e del monastero terminate nel luglio del 1893. Il 17 settembre 1894 viene celebrata l’inaugurazione della nuova chiesa abbaziale. Fino al 1950 il monastero vive un periodo di grande espansione, attraversa quasi indenne entrambe le guerre mondiali e fonda altre Abbazie all’interno della nazione ed all’estero. Poi iniziano gli anni del “declino”: crisi di vocazioni, anzianità dei monaci presenti, ridimensionamento delle attività lavorative. Adesso la situazione sembra aver trovato un suo equilibrio, con la presenza di una comunità maschile composta da una ventina di monaci, fra i 22 e gli 85 anni.

Dopo la seconda guerra mondiale, come già detto, si presenta un periodo difficile: i consumi esteri calano, la richiesta di nuove tipologie (Pils) colgono impreparati i monaci che, dopo vari tentativi di risollevarsi, nel 1969 decidono di vendere, al gruppo “Stella Artois”. Il contratto di vendita prevede la cessione degli impianti all’Artois per 10 anni, al termine dei quali però la multinazionale decide di non rinnovare il contratto con i monaci dell’Abbazia, i quali ricominciano a produrre direttamente nei propri stabilimenti il 18 giugno del 1980. La brouwerij allarga la propria gamma di prodotti, stringe accordi commerciali con l’azienda produttrice di birra John Martin per la distribuzione ed esportazione. Ma la mano d’opera interna (i monaci per intendersi) si assottiglia sempre di più. Tanto che nel 1998 i monaci stringono un rapporto di cooperazione con la birreria olandese Bavaria, ritirandosi, al contempo, dal controllo diretto della produzione. E’ il motivo per il quale l’organo ITA (Associazione Trappista Internazionale creata nel 1997) il 1° dicembre 1999 ritira il marchio “Authentic Trappist Product” al monastero olandese, che gli viene “restituito”, dopo lunghe e nauseanti controversie, il 9 settembre 2005.

Apri/Chiudi

Vi proponiamo:

8 Prodotti

8Risultati Trovati

8 Prodotti

8Risultati Trovati