Attualmente sei su:

Aggiunta prodotti al carrello

Attendere prego...

Prodotti non aggiunti al carrello

Prodotti correttamente aggiunti al carrello

Continue Shopping Continue to Checkout

Updating one moment please...

Bad Brewer California Common

Birrificio
Bad Brewer
Nazione
Italia
Stile
California Common

California Common

Lievemente fruttate con un’intensa nota di malto. Sono accompagnate da interessanti sapori di tostato e caramello che mettono in risalto le caratteristiche del luppolo Northern Brewer, esaltando le note fruttate, terrose ed erbacee.

Colore
Giallo dorato
Grado alcolico
4.5 %
Calice Bicchiere consigliato
Calice
PRODOTTO PREZZO iva inc. QUANTITÀ
Bad Brewer California Common 33cl Bad Brewer California Common 33cl
2,00 €
piu
meno
Bad Brewer California Common 33cl cartone Bad Brewer California Common 33cl - Cartone da 24 bottiglie
45,60 €
a bottiglia € 1,90
piu
meno

Caratteristiche e degustazioni

Gusto prevalente Amaro   Tipo di fermentazione Alta fermentazione
Voto RateBeer 2.7 / 5   Stile California Common
IBU 24   Temperatura di servizio 7/9°C
Formati disponibili Bottiglia 33cl
Dal color giallo dorato la California Common di Bad Brewer si presenta al naso con piacevoli sentori floreali e fruttati. Al palato anche la luppolatura risulta delicata, finale secco e pulito.

Prodotti consigliati

Nazione
Italia
Regione/città
Emilia Romagna / Riccione
www
www.badbrewer.com

Storia Birrificio

Ultimo aggiornamento: Maggio 2014

BAD BREWER, vuole essere un punto di riferimento: una bevanda autorevole per i giovani che esplorano il gusto della vita e sempre vicina alle loro tendenze, anche quelle che ritornano dal passato. I prodotti BAD BREWER sono frutto di una filosofia birraia che si sta diffondendo basata su un aspetto nomade, intelligente e colto di Brewing Process che fa capo alle figure di mastri birrai indipendenti italiani, che forniscono il proprio know-how a birrifici esistenti internazionali, per edizioni esclusive di birre.
Da sempre la birra si fa in campagna, ma poi spopola in paesi, città e metropoli. Pub, locande, bettole, taverne, trattorie, bar, ristoranti, non sono però gli unici palcoscenici dove, ogni giorno, va in scena un rituale semplice che, per secoli, ha unito intere generazioni: la mescita e il consumo di boccali e bottiglie di birra. Non solo, ma è girando nei centri urbani e incontrando volti, persone, sgabelli, panchine, gusti e tradizioni che la cultura della produzione birraia cresce e si fa sempre più forte di nomi, segreti e ricette preziose.
È in questo scambio tra serene periferie e luoghi affollatissimi delle città, dove si consumano i cibi caratteristici e le tipicità dei territori, che BAD BREWER sottolinea i gusti più raffinati e più popolari, accompagnando arte, socialità, emozioni e canti a cielo aperto.

Mugnai bohemién e artisti della birra

I Gipsy Brewer (birrai gitani), diventano Bad Brewer (birrai cattivi) che venuti via dal loro mulino, contribuiscono a diffondere un inestimabile patrimonio di esperienze, prendendo in prestito maestranze e strutture e portando nuovi prodotti nelle città, nelle piazze e nei vicoli o nelle fermate di autobus e metro’, aprendo altri scali e stazioni al mondo del gusto.

BAD BREWER la nuova label birraia, vuole essere un punto di riferimento: una bevanda autorevole per i giovani che esplorano il gusto della vita e sempre vicina alle loro tendenze, anche quelle che ritornano dal passato. I prodotti BAD BREWER sono frutto di una filosofia birraia che si sta diffondendo basata su un aspetto nomade, intelligente e colto di Brewing Process che fa capo alle figure di mastri birrai indipendenti italiani, che forniscono il proprio know-how a birrifici esistenti internazionali, per edizioni esclusive e “irripetibili” di birre. BAD BREWER raccoglie birre inedite firmate da maestri birrai detentori di ricette particolari: non prodotti di birrificio, ma prodotti di veri artisti della birra!

Arte del pensiero, del contenuto e del contenitore.

Le due prime tipologie di birra BAD BREWER lanciano subito un messaggio chiaro: la birra va bevuta in strada e la sua estetica deve essere legata alla Street Art.
Le città cambiano, le strade cambiano e gli stili cambiano in una pulsazione vitale, mai uguale a se stessa e in continua evoluzione.
La stessa dinamica la troverete nel genio dei Gipsy Brewer che firmeranno le varie miscele, nel risultato apprezzabile sorso dopo sorso e nella creatività “cangiante” di chi si occuperà dell’art-work.

Le etichette della AMBER ALE e della PALE ALE partono con una “gabbia editoriale” quasi invisibile, dove interagiscono simboli e caratteri di natura eterogenea, contaminata, aperta. Ma la vitalità e lo spirito Globe Trotter delle birre BAD BREWER porterà nell’evoluzione del progetto al coinvolgimento di artisti di strada ed illustratori che vorranno personalizzare una birra così buona, così sensibile e così di tutti.

Lampredotto, soppressata, porchetta, pizza…

BAD BREWER è una street beer! E’ una dichiarazione d’amore allo street food. Una birra che nasce per essere abbinata elettivamente allo street food delle città, soprattutto il cibo della tradizione popolare: semplice, ma sempre irresistibile. Porchetta, Pani cà meusa, fave, pecorino, piadina o lampredotto, diventano l’ambiente migliore per fare un’esperienza di alta statura gastronomica.